• Salute, Solidarietà ven, Ott 14, 2011

    In questi ultimi giorni sono venuto a conoscenza di un’iniziativa che ritengo degna di nota. Si tratta di una raccolta firme da consegnare ad inizio novembre 2011 lanciata dalle seguenti associazioni e società scientifiche :

    • ADO – Verona
    • ADVAR – Treviso
    • AMO – Baldo-Garda (VR)
    • AVAPO – Mestre
    • AVAPO – Venezia
    • CEAV – Padova
    • CURARE A CASA – Vicenza
    • F. CUCCHINI – Belluno
    • CUCCHINI AGORDO- Agordo(BL)
    • IN FAMIGLIA Portogruaro(VE)
    • INSIEME – San Donà di Piave(VE)
    • MANO AMICA – Feltre (BL)
    • VITA SENZA DOLORE-Pieve di Cadore (BL)

    Nelle osservazioni si evidenzia che la proposta di Piano Sanitario Regionale Veneto 2011-2013 seppur dichiari grande attenzione all’assistenza alle persone in fase avanzata di malattia oncologica non prevede adeguate norme a garanzia delle cure palliative a domicilio.

    E’ stata quindi lanciata una raccolta firme che verranno presentate ad inizio novembre 2011 in Regione per chiedere l’inserimento della L.R. 7/2009 nel Piano Socio-Sanitario Regionale attualmente in corso di stesura e approvazione.

    Colgo questa come un’occasione per sensibilizzare chi non conoscesse le problematiche che si devono affrontare con un malato oncologico in fase avanzata. Solo per citare alcuni esempi non esaustivi il dottore che visita al domicilio non solo ha l’occasione di risparmiare la sofferenza delle trasferte e dell’attesa ambulatoriale al malato, non solo da la possibilità all’ammalato di affrontare la fase terminale della sua vita nella propria casa evitando il “carcere” ospedaliero, ma porta un sostegno psicologico a tutto l’ambiente in cui l’ammalato trascorre i suoi ultimi giorni portando ad affrontare la situazione gradualmente e serenamente.

    In passato gli ammalati morivano quasi sempre tra le sicure mura della propria casa. Recentemente sembra che invece la tendenza sia di scaricare gli ammalati tra le gelide mura ospedaliere.

    La mia esperienza diretta avuta con i dottori e le strutture per la cura palliativa è stata molto positiva; mi auguro che in futuro, persone che si trovano ad avere una persona cara colpita da una malattia oncologica, possano avere le stesse opportunità.

    Seppur sia, e rimanga, una iniziativa APOLITICA gli amici del Movimento 5 Stelle di Vicenza, seppur in fretta e furia, senza una adeguata preparazione sull’argomento, si son resi disponibili a raccogliere le firme in questi ultimi giorni. Se volete firmare, o meglio ancora se volete portare dei fogli firmati, potete appoggiarvi ai banchetti o alle riunioni del Movimento 5 Stelle che si terranno a:

    • Incontro M5S Bassano: Caffè dei Libri, Vicolo Gamba 1, i martedì sera ore 21
    • Banchetto M5S Bassano: via J. da Ponte, 22.10.2011 – sabato pomeriggio
    • Banchetto M5S Rosà: Piazza Duomo, Rosà, 23.10.2011 – domenica mattina
    • Banchetto M5S Thiene: via Trento, 15.10.2011 – sabato pomeriggio
    • Banchetto M5S Thiene: Piazza Chilesotti, 23.10.2011 – domenica pomeriggio
    • Incontro M5S Vicenza: Ristorante messicano La Queva, dietro Auchan, i mercoledi sera ore 21

    Per chi fosse interessato a partecipare alla raccolta firme ecco il materiale:
    L.R. 2009 Disposizioni
    Legge Marzo 2010
    OSSERVAZIONI ALLA PROPOSTA DI PIANO SANITARIO REGIONALE
    APPELLO (documento per le firme)

    Un sincero grazie a chi firmerà, a chi ha firmato, al M5S … e non per ultime a tutte quelle persone che ogni giorno si attivano per le cure palliative.

    Saluti
    Marco(SE&O)

    Posted by marcos @ 11:10 pm for Salute, Solidarietà |

    Sorry, the comment form is closed at this time.

Commenti recenti